Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
12 février 2008 2 12 /02 /février /2008 21:14
Roma martedì 12 Febbraio. Oreste Scalzone è stato fermato dalle forze dell'ordine che presidiano il Ministero di (In) Giustizia. mentre fisarmonica in mano intonava "Liberare tutti" ed "Addio Lugano Bella" per protestare contro l'eventuale estradizione di Marina Petrella .


undefined ASCOLTA IL RACCONTO SUGLI AVVENIMENTI NELL'INTERVISTA RILASCIATA AD ONDA ROSSA



Partager cet article

Published by Oreste Scalzone
commenter cet article

commentaires

sergio falcone 24/02/2008 22:57

LIBERTA' PER MARINA PETRELLA!LIBERTA' PER I COMUNISTI!Per il diritto di asilo; contro l'estradizione dalla Francia27 FEBBRAIO ore 17, SIT IN A Roma, Piazza FARNESE

sergio falcone 24/02/2008 22:07

domenica 24 febbraio 2008 Appello per Marina Petrella appello per MARINA PETRELLAPer il diritto di asilo; contro l'estradizione dalla Francia27 FEBBRAIO ore 17, SIT IN P.za FARNESE APPELLO Il diritto d’asilo risiede nella notte dei tempi, è parte fondamentale della “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo”, adottata dall’Assemblea dell’ONU il 10 dicembre 1948. Migliaia di personaggi ne hanno goduto, divenendo successivamente Presidenti di Repubbliche, Ministri, insigni cultori: da Dante a Mazzini, Garibaldi, Pertini, solo per citarne alcuni, considerati “in patria” nemici e condannati financo all’ergastolo e alla pena di morte. Alla fine degli anni ’70, a centinaia i protagonisti del conflitto sociale trovarono rifugio in Europa, in esilio da leggi emergenziali, condanne sommarie e carceri speciali, che colpirono in Italia oltre 40.000 attivisti. Particolarmente in Francia, il Presidente Mitterand, rinnovando la peculiarità storica della “ Francia terra d’asilo”, si fece artefice di un editto che garantiva a costoro lo “ status di rifugiati”, in quanto riconosceva la natura politica agli esiliati italiani e il loro abbandono della lotta armata. Tra questi Marina Petrella usufruiva dagli anni ’90 di un regolare “permesso di soggiorno” che le ha consentito di svolgere un’attività lavorativa a carattere sociale, di accudire alla prima figlia Elisa e di decidere di metterne al mondo un’altra, Emanuela, fiduciosa nell’avvenire e nella parola data. Invece, l’11 Settembre 2001 e la dottrina della “ guerra permanente”, hanno prodotto l’arroccamento della “sicurezza“ a scapito dei diritti anche in Europa e in Francia.E’ noto a tutto il mondo, che in termini di giustizia il Governo Berlusconi ha svolto soprattutto un’attività tesa a cancellare i reati e i processi che lo vedevano coinvolto insieme al suo clan. Di converso il ministro di giustizia Castelli richiedeva l’estradizione dalla Francia di 12 rifugiati politici, tra cui Marina Petrella, reiterata dal ministro Mastella nel subentro del governo Prodi. Così che dall’agosto 2007 Marina Petrella (54 anni e 2 figlie) è in carcere in attesa dell’estradizione che dev’essere decisa dall’attuale presidente Sarkosy, incredula che un Paese con così antica tradizione di libertà possa venire meno alla parola data, per iscritto da un suo Presidente. Allo spirito di “libertè, egalitè, fraternitè”, al rispetto delle idee universali conquistate con il sangue patriota, fanno appello le migliaia di firme raccolte in Francia contro l’estradizione di Marina Petrella, a cui aggiungiamo le nostre ed insieme la proposta di una iniziativa di protesta, da tenersi sotto l’Ambasciata Francese a Roma il 27 febbraio, ore 17 p.za Farnese, stante l’imminenza della decisione sull’estradizione. aderiscono:Confederazione Cobas, Radio Onda Rossa, Contropiano, Action, Coordinamenrto cittadino di lotta per la casa, Libertà di Movimento, Osservatorio contro la Repressione, Astra19, Horus occupato, Spazio sociale ex51, Loa Acrobax, Rete per l'Autoformazione, csoa Ex Snia, csoa Forte Prenestino, Corto Circuito per ulteriori adesioni scrivere a:v.miliucci@libero.it 

sergio falcone 23/02/2008 07:13

mercoledì 20 febbraio 2008 Concert Marina Petrella Bonjour.Veuillez trouver ci-dessous quelques mots autour du concert en soutiende Marina du 15 février dernier. Des mots qu’Elisa, fille de Marina, tient à faireparvenir à vous tous. Informée du déroulement de la soirée en question, Marinaenvoie à tout le monde un gros merci.Amicalement.paroledonnee«Le concert de soutien a été une belle reussite grace à nos efforts partagés, à l'enthousiasme et à la motivationque nous deployons pour nous battre contre cette situation humainement insupportable. Je pense pouvoir m'exprimer au nom du collectif en disant que vous (nous)voir tous ensemble autour de cetteinitiative nous a donné du baume au coeur et conforté dans notre engagement. Merci à tous les artistes qui se sont mobilisés malgré quelques problemes techniques liés à la sono ..... soyezclements nous ne sommes pas des pro pour cela. Continuons notre mobilisation, soyons encore et toujours plus nombreux et motivés pour nous battre tous ensemble. Amicalement Elisa»

sergio falcone 14/02/2008 21:52

giovedì 14 febbraio 2008 Da Mario Metalmeccanico, cuore sincero... Carissimo Sergio,secondo un mio modesto parere,la gente sta impazzendo e non se ne accorge,io mi dissocio dal mio partito, ma tutti gli altri sono uguali, anche peggio,questo è un Mondo che non mi appartiene, non c'è più onestà, sincerità,è una corsa al dio denaro, e non si vede la gente che sta male non riescepiù a sopravvivere, vanno alla ricerca di qualcosa nei cassonetti rabbrividiscodi tutto ciò, l'mportante è andare al lavoro con una macchina da 80 mla euro vestitiincravattati mangiare nei Pab (non so se si scrive così) questo per me è ilmassimo della supperficialità, assomigliare a chi è nato ricchissimo. Io cisto male solo perchè fanno il gioco che vogliono i ricchi, non si accorgonoche vengono presi per i fondelli, non mi faccio più meraviglia di niente, quandoqualcuno sale di un gradino più del tuo ti guarda dall'alto in basso, non si ricordapiù da dove viene, si vede già che lui è di un'altra categoria, a me queste cosemi fanno arrabbiare e non poco, finico quì ma ce ne sarebbero da direciao un abbraccio.MarioMetalmeccanico

Archivio