Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
2 avril 2008 3 02 /04 /avril /2008 01:20
Roberto Silvi - Roberto "Roberto senza galere" questo il soprannome che si portava dietro da Napoli, dalle nebbie lombarde da immigrato...- è  morto oggi per un ultimo sorriso tra le lacrime, verrebbe da dire che ha "tirato l'anima coi denti" per lasciarci un primo aprile, come tra il serio e il faceto, come lasciare un dubbio, tra realtà e simulazione.
Sulla linea d'ombra, crinale di confine tra il vivere comunemente, corporalmente inteso era vissuto gli ultimi 25 anni. Un quarto di secolo, ça fait un bail, nu contratto  ‘e locazione, quasi una vita-di-lavoro, cioè una semi-vita, attendendo il <<parco umano>> dei sopravvissuti, esuberi dal lavoro, che quando sono operai, o nemmeno, muoiono in fretta, che una derisoria "libertà-dal-lavoro", uno scampolo residuo, una nostalgia di vita intera irrompe nei polmoni come l'aria dolorosa alla nascita e i polmoni dal lavorio salariato sono così avvelenati e "cirrotici" che possono morire di aria fresca, mitridatizzati dal lavoro coatto per forza di bisogno anche quando è giuridicamente "liberamente" cercato, trovato,  il prezzo della forza che lo sprigiona, forza creatrice trasmuta in merce, è contrattato.
Roberto, la vita gliela ha mangiata non già il ritmo lavoro / "tempolibero", cioè scampoli di vita di risulta, (semi-vita affannata e ipotecata dall'ombra dell'altra mezza, come una voce ventriloqua o  un fratello siamese crudele, come il controllore di ogni controllato, nell'incubo visionario e reale di Orwell)...Roberto, la vita gliela era andata mangiando un nome nosologico, nelle cartografie, nelle tassonomie, nomenclature di male di vivere ulteriore, a oltranza, definito "sclerosi multipla bilaterale", o "amiotrofica", o "a placche".
Aveva cominciato con l'incespicare, e poi la discesa per questi 25 anni era stata lenta, continua e, come sul dirsi, inesorabile.
La resistenza di Roberto (e da poco dopo l'inizio di questo millennio, con le superstizioni progressiste, o il misto di superstizioni e realtà apocalittiche, che il sommarsi dell'effetto fin-de-siècle e passaggio di millennio propaga, quella "monstruosamente" simbiotica, a due, a noio, di Roberto&Jeanie, Rob&Jany ) era stata, appunto,  "mostruosa", nel senso proprio del monstrum mirabilis.
Ancora dal 24 agosto dell'anno scorso fino a dicembre, non avevano mancato un udienza della Chambre, una riunione, un sit-in, un volantinaggio ad una manifestazione, nella scommessa disperata, con troppo aria di causa persa per strappare la persona demonizzata di turno, Marina Petrella ad un estradizione che sarebbe l'inizio di una traiettoria di agonia vestita da ergastolo.[...]
Come per coincidenza, come per un saluto estremo, già ricordo, nostalgia del presente, ieri mattina a Napoli al banco dei libri di "Sensibili alle foglie" con Renato, Nicola, Nicola, Rafele e un po' di altri e altre di noialtri "avanzi di galera" o scampativi di misura; ieri sera al Corto Circuito a Roma con Franco e Robertaccio, Barbara, Bruno e poi altri, sopravvenuti più di recente per età, avevamo riparlato di Roberto, di questa sua condizione di recluso nel corpo che tenta e ritenta incessantemente l'evasione, come di una sorta di homo sacer, di un soprassalto della potenza che persiste in nuda vita.
[...]  Noi, noi, Orest'&Complici, siamo costretti a interrompere il giro, i canti e i ragionamenti, le chiacchiere, i sussurri e le grida...non serve nemmeno scusarsene, se una qualche ubiquità ce lo permettesse, continueremmo accelerando proprio per Roberto, come fosse la forma migliore di quella che nei rituali (da non irridere perché la consolazione si cerca come l'aria), è abbassare le bandiere, rosse come quelle  della Sociale, nere come grembiali da lavoro dei Canuts, operai delle fabbriche tessili della Croix-Rousse a Lione schiacciati nel 31 - milleottocentotrentuno, come in una anticipazione del massacro versagliese di 40 anni dopo contro i comunardi - ... bandiere rosse, nere ross&nere de La Comune.
Contiamo di ripartire, con una infinita tristezza di più, il 7 prossimo, dallo Ska. Comme par hazard, - e, vorremmo aggiungere - come  per caso, Robbè!

Il fiotto delle cose da dire di Roberto è tale che per ora restiamo un lungo attimo senza parole. Lo cominceremo a fare domani e sarà comunque iscritto in una insurrezione di voci, dal profondo. Ci sale alle labbra la banalità del "non ho parole". Ma un attimo di silenzio è forse il solo adeguato,come l'attimo prima del colpo di inizio di uragano o di coro.
                                                                 
                                                              Oreste &C 1 aprile 2008 Napoli, Roma, Parigi.
 

Partager cet article

Published by Oreste Scalzone
commenter cet article

commentaires

sergio falcone 02/04/2008 06:26

Pian piano,come fiori che appassiscono e muoiono,se ne stanno andando quelli come noi,i compagni della nostra generazione.Che esista o meno un al di là,è scritto.E come fiori che appassiscono e muoiono,un giorno anche noi ce ne andremo.sergio falcone"... e partono cantando,con la speranza in cor...",Pietro Gori,Addio a Luganohttp://www.youtube.com/watch?v=jq8qUYu-T-Y* * *

Archivio