Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
2 juin 2008 1 02 /06 /juin /2008 14:10
Giorgio Agamben con grande acume capisce la pregnanza teorica dell'argomentazione schmittiana. In particolare riprende l'espressione "democrazia totalitaria" che Carl Schmitt usa in "De captivitate salus". E' evidente, pensiamo - come crediamo pensi Agamben - che la luce nera dell'intelligenza, spinta dall'extrema ratio dell'autodifesa, fa faville utili a forgiare ordigni concettuali rivoluzionari.
I fessi benpensanti preferiscono non rischiare di banalizzare il mostro e sarebbero perciò disposti a dare del negazionista a Bertolt Brecht per il monologo finale della "Resistibile ascesa di Arturo Ui", per quel «il ventre che generò la bestia immonda è ancora fertile». Loro restano ipnotizzati dal mostro e dimenticano la matrice.
I malanimosi per risentimento preferiscono uno Schmitt in catene, punito a dovere, che un uso sovversivo e libertario dei concetti che maneggia così bene. Jacob Taubes si lasciò aiutare da Kojeve a superare, lui che aveva avuto la famiglia sterminata nei campi, la repulsione fisica per andare all'incontro con Schmitt e ne uscirono "Tempus fugit" e "La teologia politica di Paolo di Tarso", che mostrano la radice teologica monoteista e "colpevolista" di ogni Stato, foss'anche il più laicista, come la Francia e la Turchia ataturkista.
I sovversivi non si prendono per gesuiti che, loro, possono leggere e far tesoro dei libri all'Indice ma devono interdirli agli uomini e alle donne comuni. I sovversivi preferiscono eliminare radici, economie politiche del cosiddetto male piuttosto che vendicarsi dei "peccatori" punendoli.
Un concetto è un concetto è un concetto: è questione da biografi o da moralisti o da preti porsi il problema di stabilire se Niccolò Machiavelli volesse «alle genti svela[re] di che lagrime grondi e di che sangue...» o al contrario volesse insegnare al duca Valentino le arti del dispotismo, il connubio di «golpe e lione» e dimostrare che «non si governa senza crimine» .

Le parole sono ben più che pietre e  contano e durano a lungo ben più di chi le emette:  chi vuole aiutare a portare alla superficie, scoprire, riscoprire e disvelare l'antica passione del comunismo, ben sa che il comunismo,  ovviamente, esiste da sempre e non è da reinventare né è localizzabile né databile. Certo, non più di quanto lo siano la facoltà della parola, la potenza di persistere nel proprio essere, l'amore, la pulsione alla predazione ... La comunanza e il principio attivo dell'autonomia co-esistente ci sono, così come i loro contrari: ciò che conta sono le armi, innanzitutto parole/concetti, che ne consentono la scoperta e l'emersione. I futuri possibili sono scritti da sempre nel reale, mescolati con tutti, fra tutto e tutto.
«Noi non vogliam sperare niente, il nostro sogno è la realtà» Franco Fortini, L'internazionale
«La scoperta, come vuole l'etimo, è svelamento di qualcosa che era nascosta prima che il ricercatore riuscisse  a scoprirla, scrutando, per così dire, dal buco della serratura. Così, le onde elettromagnetiche non sono state create da Maxwell - il fisico scozzese si è limitato umilmente a scoprirle - e una volta scoperte abbiamo capito che esistevano da sempre - anche prima dell'ultimo diluvio, prima che Abramo fosse - e da sempre hanno illuminato il mondo come luce. E da sempre la sublime vastità degli spazi siderali è abitata da queste onde che le stelle usano scambiarsi tra di loro a mo' di segnali». Franco Piperno, Il '68.

E' per questo che non ci turba pubblicare in questo blog il testo di un intellettuale catolico-tradizionalista, Maurizio Blondet, autore dichiaratamente reazionario, e, a torto o a ragione, in odore di questo, quello e chissà che altro...

Carl Schmitt alle vongole
Maurizio Blondet
«Sovrano è chi decide lo stato d'eccezione».
Se l'enunciato supremo di Carl Schmitt vale per tutte le situazioni (anche le farse), allora non c'è dubbio: abbiamo un sovrano.
E' Silvio Berlusconi.
Come noto, egli ha dichiarato lo Stato d'eccezione-monnezza.
In Campania, è sospeso il diritto ordinario.
C'è una superprocura, un tribunale speciale alla monnezza.
Chiariano, ha detto il sovrano, «è zona militare e sarà protetta. Coloro che si opporranno saranno perseguibili».
Militarizzazione della monnezza.
Allacciate le cinture, perchè comincia uno di quei periodi che il saggio cinese augurava ai suoi nemici: «interessante».
Non scherzo.
Quando uno evoca lo stato d'eccezione, la faccenda è sempre seria, gravida di prospettive e di pericoli.
Non importa che quel qualcuno sia personalmente ridicolo e Salame; comunque sia, evoca la sovranità nella sua forma elementare e fondativa.
Spiegazione per i più giovani, abituati a vivere nello Stato di diritto (o così credono).
Di norma, dice Schmitt, «non lo Stato è creatore del diritto, ma il diritto crea lo Stato; il diritto precede lo Stato».
Lo Stato non fa che essere il mediatore del diritto, prestargli la sua forza per applicarlo nella realtà.
Il capo di Stato o di Governo è egli stesso soggetto al diritto, «riceve la sua legittimazione dall'essere servitore del diritto».
Ma vi sono periodi di crisi, in cui «la normatività è impotente», per esempio a raccogliere la spazzatura a Napoli; allora la «normalità è sospesa»; e viene il momento in cui chi governa deve assumersi di sospendere la norma - dichiarando lo stato d'eccezione - per il bene della vita umana comune.
Non importa che sia il signor Mediaset: è comunque un atto di audacia politica.
Si può essere schmittiani senza saperlo, come quel commerciante di Molière a cui fu spiegata la differenza fra poesia e prosa, ed esclamò: «Allora io sono un prosatore senza saperlo», perchè scriveva lettere commerciali.
E' proprio quel che avviene in Italia in questi giorni: nessuno pare aver preso coscienza di ciò che implica lo stato d'eccezione, anzi Napolitano - il supposto «custode della Costituzione» sospesa - pare favorevole, per non parlare dell'opposizione veltroniana.
Si entra in un periodo di «fondazione» con la mente torbida, il senso del diritto obnubilato.
I soli contrari sono i giudici ma - naturalmente - non per il motivo giusto, giuridico: lo sono per i loro interessi di casta. Temono di essere scavalcati, di essere privati di alcune loro «prerogative», e che si sia costituito un «precedente» per esautorarli.
Il che è verissimo.
Ma va notato che i più caldi a chiedere a Berlusconi la sospensione dell'autorità «legale» giudiziaria sono stati i sindaci e i presidenti di provincia della Campania.
Perché?
Perché, per tenere puliti almeno i loro paesi hanno aperto discariche, che sono autorizzate a termine, per 180 giorni.
Al termine, essendo la situazione immutata, hanno continuato a scaricare lì: e sono stati immediatamente incriminati. Avviso di garanzia.
E' un caso plateale in cui non solo la normatività è impotente, ma l'applicazione della legge diventa ostile alla vita, la rende impossibile.
Per questo si dirà in futuro che in Italia, i giudici furono moralmente responsabili dello stato d'eccezione, per la loro ottusità ad applicare «le norme» quando «la normalità» era da gran tempo, oggettivamente, sparita.
Da tempo, non c'era nessun sovrano.
Dai e dai, sono stati i giudici a suscitare un sovrano, e nel loro peggior nemico.
La necessità di un sovrano - che decide lo stato d'eccezione - è il fatto primario, elementare, della politica.
Tanto elementare che persino Berlusconi è stato in grado di enunciarne la giustificazione: «Le leggi devono essere adattate per far vivere meglio i cittadini, non sono un moloch assoluto».
Senza saperlo, ha parafrasato - e semplificato - una enunciazione di Schmitt, alquanto più tortuosa:
«Fin dove il diritto positivo è in grado di garantire la certezza giuridica e suscita una prassi univoca, la 'conformità alla legge' di una decisione è una prova della sua giustezza. Ma non appena certi elementi al di fuori del contenuto della legge positiva scuotono questa prassi e riescono a modificare questa legge nella sua validità fattuale, anche se per mezzo di una 'interpretazione', questa congruenza tra 'conformità alla legge' e giustezza della decisione cade; e un giudizio emanato contro il senso della legge può, ciò nonostante, essere giusto» .
E non è appunto questa la situazione in cui ci ha gettato da anni la magistratura come casta?
Gli arresti domiciliari allo zingaro ubriaco alla guida e quadruplice omicida sono un recente esempio di sentenza «conforme alla legge» e odiosamente ingiusta.
E' solo un esempio fra mille.
Non si contano le «interpretazioni» delle leggi vigenti che le rendono inefficaci nella loro «validità fattuale», ossia che ne neutralizzano gli effetti che la società esige dalla legge - la punizione del reo, la protezione per l'innocente, la raccolta usuale della spazzatura.
Persino il questore Manganelli ha detto che c'è un indulto permanente in Italia, che la dittatura dei giudici ha avuto come risultato la non-certezza del diritto (e della pena).
E' un'altra richiesta implicita di stato d'eccezione.
E' questo il punto più gravido di rischi e di futuro.
Nella repubblica di Weimar, era l'intera società onesta a chiedere uno stato d'eccezione, che la facesse finita con una «legalità» che favoriva solo l'arricchimento di mascalzoni speculatori, e la corruzione della società stessa in mano ai parassiti. E qui da noi?
Le emergenze sono tali e tante, gli egoismi così intrattabili e incurabili, da richiedere per ciascuna una «decisione sovrana», extra-costituzionale: le tre regioni almeno dove sovrana è la malavita organizzata, lo stato della scuola, il parlamento pletorico e servo delle lobby, la burocrazia inadempiente strapagata (la Casta), i particolarismi che ostacolano e impediscono ogni progettualità, lo strapotere bancario e sindacale, la violenza idiota e corpuscolare delle tifoserie, l'abuso di massa di cocaina persino tra gli operai... ciascuna richiederebbe tribunali speciali con procedure semplificate e misure extralegali per licenziare, punire, obbligare a fare.
In nome della vita e a sua difesa.
Qui è il punto.
L'Italia richiede uno stato d'eccezione totale.
Una volta dichiarato uno stato d'eccezione, è quasi inevitabile la tentazione di dichiararne altri, tutti in sé necessari.
Non è ignoto che lo stato d'eccezione è la madre delle dittature social-nazionali, di «destra popolare» nel senso che è il popolo a dare loro «mano libera».
Ovviamente, lo stato d'eccezione introduce nell'ordinamento giuridico un elemento di arbitrio assoluto da parte del sovrano.
Ma se il sovrano è Berlusconi, c'è il rischio di una dichiarazione di «stato d'eccezione televisivo», per salvare Emilio Fede dal satellite e mantenere il monopolio Mediaset.
Dico la verità: preferirei che ci fosse, al suo posto, un capo risoluto come Adolf Hitler.
Ma in politica si gioca con le carte che si hanno in mano, e in Italia abbiamo in mano scartine e veline.
La storia si ripete ancora una volta in forma di farsa.
Certo, staremo a vedere se Berlusconi è veramente sovrano nel senso schmittiano.
La casta giudiziaria ha mezzi potenti, i nemici sono potenzialmente tanti e tutti hanno dalla loro la «legalità».
Ci vogliono i cojones, e una certa vastità dell'intelligenza, cosa che è da dimostrare.
Ma non sottovaluterei l'influsso dello spirito dei tempi, il famoso Zeitgeist: c'è una tendenza mondiale alla sospensione della norma coi più buffi e lievi pretesti, dalla Cina all'America, la super-democrazia dove lo stato d'eccezione vige dall'11 dicembre 2001.
La cosa può durare.
Se i magistrati non fossero quegli ottusi difensori dei loro interessi che sono, non avrebbero dovuto combattere usando le «leggi» come bastoni; avrebbero dovuto esigere che lo stato d'eccezione a Napoli - la sospensione del diritto normale - avesse un termine temporale certo.
Non l'hanno fatto - ignari come sono della filosofia del diritto - ed è possibilissimo che la sospensione diventi permanente. Altra loro responsabilità.
Comunque sia, allacciate le cinture: si ballerà molto.
Il periodo è «interessante», la terra che abbiamo davanti, incognita.
Con uno stato d'eccezione, si sa come si comincia, ma non dove si finisce.
Come diceva Lenin: «Una rivoluzione senza plotoni d'esecuzione, è priva di senso».
Tutto sta a vedere chi ci finirà davanti.
E sarà un plotone di veline?  
 

 

Partager cet article

Published by Oreste Scalzone
commenter cet article

commentaires

diego 12/06/2008 15:12

>Jaco Taubes [...] lui che aveva avuto la famiglia sterminata nai campiNon mi risulta: il padre Zvi, rabbino capo di Zurigo, ebbe modo di scrivere anche un libro sul ritorno in Israele che fu tradotto persino in italiano. Per tutto il periodo della guerra la famiglia rimase tranquillamente in Svizzera.

sergio falcone 09/06/2008 03:11

domenica 8 giugno 2008

Sauvons Marina Petrella

Bonjour,Maintes choses se sont passées depuis notre dernier courriel à laliste dediffusion.Après une cinquantaine de jours passés en cellule d'isolement àl'hôpitalpsychiatrique Paul Guiraud, et après une expertise commandée par lesautorités et donc les conclusions relevaient un risque vital due àunecrise suicidaire, Marina a été renvoyé à la prison de Fresnes oùelle setrouve à tout aujourd'hui.Ces cinquante jours dans des conditions épouvantables, n’ont serviqu’àaggraver son état. Nous sommes très inquiets pour elle, car, enplus,depuis une quinzaine de jours elle ne réussit pas à s'alimenter.Ce risque vital, qui devrait imposer l'application de la clausehumanitaire inscrite par la France lors de la ratification de laConvention Européenne d'Extradition de 1957 (note en bas) (conventionquis'applique au cas de Marina) est au contraire méprisé par nosgouvernantsqui annoncent l’imminente signature du décret d’extradition.A ce jour, le décret n’a pas été encore notifié à Marina. Le caséchéant,celui-ci sera attaqué par devant le Conseil d’Etat afin d’enobtenirl’annulation. Ce processus prendra plusieurs mois. Des mois que nousallons utiliser pour mettre en œuvre toute initiative afin decontraindrele Gouvernement à abroger ce décret, et pour cela nous aurons besoindetoutes vos forces et détermination à nos côtés.Mais ce qui ne peut pas attendre c’est la santé de Marina. Il fautqu’ellesort le plus tôt de prison pour qu’elle reçoive les soinsnécessaires. Anous tous d’alerter le plus de gens possible sur son état de santéet demobiliser l’opinion publique.Clause humanitaire :« L’extradition pourra être refusée si la remise est susceptibled’avoirdes conséquences d’une gravité exceptionnelle pour la personneréclamée,notamment en raison de son âge ou de son état de santé. »paroledonnee

Archivio