Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
30 janvier 2009 5 30 /01 /janvier /2009 20:59
Se mi tengo strettamente al punto di vista dell'interesse particolare dei fuoriusciti dall'Italia del dopo- anni '70/'80, rifugiatisi in Francia e altrove, al loro destino, devo dire che questa inedita isteria di Stato e di "scrittori e popolo", di <società civile> e di plebi aizzate a urlare al linciaggio, lo spettacolo del "Tutti contro uno!" , eppoi di così mediocre consistenza, spessore foss'anche semplicemente simbolico, è andata talmente oltre che - fuori dai confini d'Italia - ha doppiato il capo, il punto di non-ritorno oltre il quale ogni parola in più  ottiene l'effetto contrario, si rivela controproducente.

    Dunque, potrei dire, "Continuate così, ancora uno sforzo... Se un Berardi o un Borghezio - ma non solo - non esistessero, ci converrebbe inventarli! Ogni bercio o sofisma in più, è per noialtri un'assicurazione sul futuro, contro ogni rischio d'estradizione : una manna...".

    Lo spettacolo di sé che sta dando "l'impresa-Italia", che stanno dando la <società politica> e in generale i piani alti delle istituzioni e della società ;  gli umori che la loro abietta majeusi fa trasudare dal vaso di Pandora del bassoventre della società, lasciano infatti, prima ancora che scandalizzati, allibiti anche persone che "naturalmente" si troverebbero dalla loro parte.

    Mi risulta che figure pubbliche brasiliane, che mantenevano una forte perplessità ed incredulità rispetto a giudizî - che gli sembravano eccessivi e propagandistici - sullo stato delle garanzie giuridiche in Italia e sulla natura del suo <ordine giuridico interno>, hanno modificato radicalmente, un giorno dopo l'altro, il loro giudizio, rispetto a ciò che venivano ascoltando e constatando de visu ogni giorno. Insomma, la "parte italiana, richiedente", si è cacciata da sé nella condizione di quell'orribile condizione che il gergo mafioso definisce "dell'incaprettato" : ormai, più si agita, più aggiunge berci, spinge al proscenio personaggi, argomenta e vocifera, più si condanna al discredito, dunque alla sconfitta. Se invece di fermarsi, tanto più rilancia quanto più è frustrata, la spirale viziosa si serrerà intorno al suo collo.

    Spingendo in avanti dei soggetti privati, le parti lese ; facendosene scudo, alibi, esponendole come "teste di turco" ; giocando empiamente sul loro dolore, aizzandole, mettendo a prezzo la loro sofferenza ; non decidendo mai una legge sui risarcimenti materiali, e cooptandone qua e là qualcuno, retribuendolo con candidature ed elezioni al Parlamento e altre cariche politiche ; raccontandogli l'infame dottrina per la quale senza la <retribuzione>  consistente nel castigo, nella punizione certa e <infinita> di chi la <verità giudiziaria> ha decretato colpevole ; stravolgendo la norma, la dottrina, la Costituzione e pretendendo di legare la pena al primato della logica detta <retributiva> ; dismettendo le proprie prerogative sovrane - per esempio in materia d'indulto ed amnistia - e facendole coincidere con la logica che presiede all'istituto della grazia; scatenando in modo demenziale e criminale un mercato e una "guerra fra tutti e tutti" gli egotismi identitarî, legittimistici, vittimarî ; spandendo psicosi e <razeionalizzazioni> di passioni tristi, sospetti, risentimenti, rancori....,  hanno fatto e continuano a fare gli apprendisti stregoni.
Il guaio è che seminano vento, e tutti raccoglieremo tempesta : a cominciare dal fatto di subire una sorta di conformazione, di coazione mimetica che ci porta a ritorcere specularmene e all'infinito quest'atteggiamento delirante e livido, che prima che distruttivo d'altrui è eticamente suicidario, mortifero.

    La pretesa di esportare la stessa operazione altrove ; di chiedere agli altri Stati, loro "pari", di dimettere anch'essi le loro prerogative e facoltà, per transmutarsi in mandanti e al contempo in esecutori di una mortale caccia all'uomo condotta da una parte privata, parte in causa, che meriterebbe il massimo di rispetto e compassione e invece viene violentata, plagiata e prostituita, fatta oggetto di uso strumentale, demagogico demma sua sofferenza ; la pretesa di sindacare la facoltà di un altro Paese di decidere su estradizioni o asili, accampando le ragioni delle parti civili, prima che un crimine è una perfetta idiozia.
    Hanno perso il lume della ragione. Sono arrivati a straparlare di "terrorista comune", quando - come gli aveva fatto osservare Cossiga - l'applicazione a un Battisti della legge "speciale", "emergenziale" che porta il suo nome, e prevede l'applicazione di una aggravante che comporta un elevato moltiplicatore di pene, se in sentenza i comportamenti incriminati sono dichiarati compiuti <per fini di terrorismo ed eversione dell'ordine costituzionale>, è una cialtroneria da gente che ha perso la testa. Così come lasciarsi andare, spinti dal livore, a definire il Brasile <Repubblichetta sudamericana>. Così come portare al parossismo più grottesco la banalizzazione <negazionista> del genocidio degli Ebrei, stabilendo comparazioni tra Battisti e... Eichmann (e questo, da parte di gente che - perlatro in modo al solito doppiopesistico - ostenta scandalo e stigmatizza negazionismo, chi quando si osa anche solo parlare anche di Gulag, Laogaï e foibe, chi quando si evocano Hiroshima, o le stragi da colonizzazioni e da tratta...).

    Epperò non ci rallegriamo. Primo, se pensiamo a tanti compagne e compagne di destino, in quella stagione, tuttora rinchiusi, a tempo pieno o parziale, dietro quelle mura.
Secondo, se pensiamo a questo incrementarsi vertiginoso di un populismo penale, di una tendenza allo Stato penale, della sua capacità di infettare in modo virale le teste, producendo - ben peggio che acquiescenza - malinteso "giustizierista" che obiettivamente attacca allo stesso bindolo chi crede di combatterlo, e cade nella più vieta corsa mimetica.

    Non ci rallegriamo, last but not least, quando vediamo il compiersi di una 'deriva' da tempo intrapresa da uno che ha condiviso tratti di nostri percorsi, come Battisti.
    Ora viene a dirci, come se fosse la cosa più naturale del mondo, che nella sua fuga dalla Francia, sulla quale aveva spalmato il libro <La mia latitanza>, sarebbe stato aiutato dai servizî segreti francesi.
    Tendo a non crederci, ma se devo crederci devo chiedermi (e potremmo chiedergli conto) di quali contropartite abbia dato, quali servigî resi, visto che non risulta che i "servizî" siano associazioni di assistenza ai fuggiaschi, che benevolmente aiutano ad esfiltrarli...
    E a chi dovesse accampare stati di necessità assoluta, di indigenza, questioni di vita o morte, verrebbe comunque da chieder conto di questa rivelazione di una macchia, di una miseria privata, senza una ragione foss'anche la più opportunistica. E chiedere come non se ne scusi innanzitutto con uomini e donne che gli sono stati compagni di destino e si sono battuti per lui.

    E se poi dovesse essere - come tendo a credere - un parto della spettrale fantasia da inventore di gialli polizieschi, quale sarebbe la ratio?
Viene in mente un'altro inspiegabile gesto, che sembra una piccola ignobiltà gratuita. Noi non sappiamo se la signora Carla Bruni-Sarkozy abbia in qualche modo "intercesso" per lui. Se no, non si vede perché dire in proposito una falsità. Se sì, e se - al centro di attacchi volgari, inauditi, conditi di allusioni pesanti che la mettono in causa "come donna"  (a proposito, che dire del silenzio plumbeo dell'intellighentzsjia femminista, ancora una volta?) - questa persona è andata in TV a schermirsi, a negare, che senso ha non rispettare una doverosa discrezione e - con strumentalità da parvenu che vogliono sfruttare fino in fondo una relazione e una persona - andare a smentire la sua smentita, confermando ciò che le attira un vero linciaggio?

    Il quadro di un ambiente nel suo complesso malsano, di un Paese malato, più ancora che altri, di una società violentata e sfigurata, viene completato dall'episodio - sintomatico, rivelatore - di una intervista mai data, fittiziamente costruite con spezzoni di frasi dette al telefono per spiegare la propria indisponibilità a farsi intervistare, da una compagna rifugiata in Francia. Si tratta di estorsione volgare, di manipolazione, di truffa, di vero e proprio stupro morale. Questo non è un episodio isolato : è un frutto avvelenato. Il frutto avvelenato di chi pensa di trattarci, non già da <nemici>, o da vinti ; e nemmeno, a ben vedere, da "folli" e/o "criminali" : ma piuttosto da 'scherzi di natura', impensabili se non in termini di marionette e di pupari . Mostri, da espellere dall'umano : vale a dire, <sotto-uomini>. Unter-Menschen.
    Ecco, questo c'è al fondo. Per noi e per tutti, non scenderemo nel gorgo, muti". [...segue ]
                                                               
Oreste Scalzone


Questa è la 'base' per interventi e risposte a domande d'intervista. Essa è come un estratto, un'estrapolazione, da un ragionamento più ampio.

Partager cet article

Published by Oreste Scalzone
commenter cet article

commentaires

Archivio