Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
24 août 2007 5 24 /08 /août /2007 14:44



CI PERVENGONO NOTIZIE DI VARIE INIZIATIVE A FAVORE DI MARINA E DI PETIZIONI ON-LINE
. INTANTO ECCO IL LINK A QUELLA DI BELLA CIAO

Marina Petrella : signez la pétition de soutien

Partager cet article

Published by blackblog - dans orestescalzone
commenter cet article

commentaires

sergio falcone 24/08/2007 15:31

Bisogna impedire che Marina Petrella, Cesare Battisti, Paolo Persichetti e tutti gli altri compagni rifugiati fungano da capro espiatorio del degrado della vita politica, in quella palude che lo scrittore Giuseppe Genna definisce acutamente "la discarica Italia".Contro l'ingiustizia, disobbedienza civile nonviolenta.Perché noi non siamo come loro.Sciopero della fame!sergio falcone

sergio falcone 24/08/2007 15:25


Salviamo Pegah dalla lapidazione
Ven, 08/24/2007 - 09:55



http://www.arcigay.it/show.php?2720



autore:

David C.


Arcigay ed Arcilesbica indicono un sit-in a Roma il 27 agosto davanti all'ambasciata Brittanica per salvare la lesbica iraniana che Londra vuole cacciare: l'espulsione rinviata solo di pochi giorni. Arcigay e Arcilesbica, congiuntamente al Gruppo EveryOne, lanciano un appello affinché a Pegah Emambakhsh, la lesbica iraniana rifugiatasi a Sheffield (Regno Unito) che rischia la pena di morte nel suo Paese d’origine, venga concesso immediatamente l’asilo politico definitivo.
Al Governo del Regno Unito, che si ostina a negarle questo diritto fondamentale con motivazioni assurde e pretestuose, e ha emanato l’ennesimo decreto d’espulsione per il 28 agosto (volo British Airways numero BA6633 delle 21.35 diretto a Teheran), le due associazioni nazionali lgbt, con l’adesione del Gruppo EveryOne, rispondono con la convocazione di un
Sit In di fronte all’Ambasciata Britannica a Roma in via XX settembre 80 lunedì 27 agosto 2007 dalle ore 18,30
La vicenda di Pegah Emambakhsh è l'ennesimo caso di violazione dei diritti umani da parte dei nostri governi. Le decine di migliaia cittadini, gli attivisti e i politici che hanno aderito all'appello per la sua vita lanciato in questi giorni dal Gruppo Everyone hanno ottenuto una proroga della deportazione al 28 agosto.
Ma non illudiamoci, perché il governo sta solo aspettando che l'opinione pubblica si concentri su altri eventi per costringere Pegah a salire sull'aereo della morte. Deportazioni come quella riservata a Pegah si sono infatti già verificate, anche in tempi recenti, nel Regno Unito e negli altri paesi.
Aurelio Mancuso - Presidente nazionale Arcigay Francesca Polo - Presidente nazionale Arcilesbica Matteo Pegoraro, Roberto Malini - EveryOne

Per adesioni inviare una mail a presidente@arcigay.it
 

Archivio