Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
28 septembre 2012 5 28 /09 /septembre /2012 02:17

Intervista di Camillo Giuliani

 

A prescindere dalla temperatura esterna, si prospetta un pomeriggio da autunno caldo a Cosenza. Il giorno dopo Renato Curcio arriva in città l'uomo nero, Stefano Delle Chiaie, e non sono pochi quelli che, da giorni, annunciano su internet manifestazioni per impedirgli di presentare “L'aquila e il condor”, il libro in cui il 76enne esponente della destra radicale racconta la sua versione su una stagione politica di cui fu (in)discusso protagonista. Ne abbiamo parlato con un altro primattore di quegli anni, Oreste Scalzone, fondatore di Potere Operaio. «È difficile trovare due uomini più agli antipodi tra loro», il suo commento iniziale. Nonostante abbiano in comune l'attivismo politico – su sponde e con metodi differenti – e una lunga latitanza all'estero per sottrarsi alla giustizia italiana, Scalzone e Delle Chiaie, il rosso e il nero, sono come due rette parallele che non trovano mai un punto d'incontro.


Cosa pensa di Delle Chiaie?
«Sono solito parlare in modo critico di sistemi e non di singoli, ma quando si tratta di uomini pubblici con responsabilità come le sue un giudizio è doveroso: credo – anche sulla base di un riscontro pratico, dettaglio sintomatico – sia un pessimo personaggio».
Quali riscontri?
«Lui e Mario Merlino hanno fatto circolare falsità quale quella che prima di Valle Giulia loro avessero preso contatto col Comitato d'agitazione d'ateneo alla Sapienza, e che quindi quella fosse stata un'impresa comune. Un episodio che mostra inequivocabilmente l'indole manipolatrice di questo personaggio che ama rimestare nel torbido».
I fascisti con Valle Giulia non c'entrano?
«Basta aver letto, che so... Malaparte, per sapere che in una piazza in tumulto può esserci di tutto. Certo è che se c'erano i fascisti, il movimento non se ne accorse».
Che differenza c'era tra ribelli di sinistra e di destra?
«Molti giovani, anche per opporsi a un antifascismo trasformatosi in regime, diventarono fascisti pensando di ribellarsi all'ordine costituito. La ritengo una forma, certo malintesa – un tragico equivoco –  di ribellione vera. Delle Chiaie con loro non c'entra, la cosa peggiore è che abbia lavorato per i servizi segreti del Paraguay di Stroessner».
Franco Piperno ha definito i terroristi “delle ottime persone, anche se hanno ucciso”. Che ne pensa?
«Condivido il suo giudizio per quanto riguarda coloro che, a torto o ragione, si ribellano all'ordine costituito, dal basso verso l'alto. Camus diceva che “non ci sono angeli di luce e idoli di fango; gli umani vivono così, a mezz'altezza”. Ma quando qualcuno si comporta in tutta la carriera come un gerarca dalla parte di coloro che schiacciano altri, non vedo come gli si possano concedere riconoscimenti di una qualche nobiltà, quantomeno d'intenti».
Ha letto “L'aquila e il condor”?
«Ci sono tante cose che non si riescono a leggere nella vita, mancanze che lasciano un rimorso, ma ammetto che difficilmente troverò il tempo di dedicarmi al libro di Delle Chiaie. Potrebbe anche avere un qualche interesse, tutto può essere. Ma la vicenda del Paraguay, ciò che si dice tra gli stessi fascisti di quest'individuo, il piccolo riscontro personale di cui sopra, mi fanno dubitare che in quelle pagine ci sia qualcosa di pregevole».
Scenderebbe in piazza per impedirne la presentazione?
«I movimenti sovversivi avrebbero ben altro da fare che impigliarsi in sceneggiate per vietare la parola a personaggi che converrebbe invece gratificare con un disinteresse e un silenzio eloquenti. Meglio sarebbe occuparsi di dare il fatto suo a gente più significativa, a partire dal dottor Marchionne».
Ha vissuto situazioni come quella che si attende per Delle Chiaie?
«Dopo il rientro ho ricevuto diverse contestazioni. All'università di Palermo lanciarono pietre contro le vetrate dell'aula dove si svolgeva l'assemblea, sembrava un cattivo remake del 16 marzo del '68 alla Sapienza. L'onorevole signorina Meloni andava straparlando  di “bombaroli”, imitata da un tale Volontè deputato Udc...la sinistra di Stato annuiva. Quelle contestazioni, però, avevano origine nelle stanze del potere, non c'erano folle che si riunivano spontaneamente. Spero che i compagni cosentini non finiscano a chiedere alla questura di vietare l'evento, sarebbe una vera contraddizione in termini!».
Perché nemmeno una polemica per l'arrivo di Curcio?
«Il generale Dalla Chiesa, strenuo avversario delle BR, disse di Renato che era “uno che andava, non mandava”, manifestandogli quel rispetto che si concede a un nemico, nel senso più alto del termine. Lo stesso rispetto che Cossiga mostrò per Prospero Gallinari o Maurizio Ferrari che oggi, dopo 32 anni di prigione, è di nuovo rimesso e tenuto in galera per manifestazioni di lotta da un piccolo Vichinskij  (l'inquisitore per eccellenza della Russia di Stalin, ndr) come il procuratore Caselli. Ecco, l'intero percorso di Delle Chiaie non mi sembra suscettibile di raccogliere un rispetto della stessa natura».
Delle Chiaie è un suo nemico?
«Qualcuno ha detto che si è, o si diventa sempre un po' alla misura del nemico che ci si sceglie. L'inimicizia, anche assoluta, è una relazione alta e non richiede di considerare l'altro un "sotto-uomo" – "Untermensch", termine squisitamente nazista – o un demone. Escludendo dunque la passione triste ed autolesiva del risentimento o della diabolizzazione, non è necessario, tuttavia, gratificare qualcuno che non la meriti di una relazione simile. Comunque, se oggi qualcuno vuole telefonarmi per avere un confronto pubblico tra Delle Chiaie e me sulla questione di Valle Giulia, accetto la sfida di buon grado».

Camillo Giuliani

Partager cet article

Published by Oreste Scalzone
commenter cet article

commentaires

Archivio