Overblog
Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
9 mars 2008 7 09 /03 /mars /2008 12:13
Cari Compagni
quello che potete scaricare qui sopra è il primo numero di un'idea "bastarda", comunarda e bisestile, di romanzo-feuilleton che,  in forme diverse e mutevoli, cercheremo di fare uscire con cadenza mensile fino al prossimo 29 febbraio, vale a dire quello del 2012. Da un bisestile all'altro.
Il titolo Moltevoci svela subito che c'è di mezzo il "nostro" Oreste e vuole essere un augurio: che questo quinterno mensile di un filtro, se non immaginario, aleatorio, scateni e condensi davvero molte voci di compagni, che diventi un rosso, infuocato crogiuolo da cui può venire fuori da un lato una rivistona, dall'altro almeno o un libro, che sia preso, smontato e rimontato, usato come arsenale per nuove battaglie, che sia come una sfogliatella rancida scagliata allo stomaco di chi "padrona", comanda, governa, decide, pretende "rappresentare", insomma che ci sfugga presto dalle mani…

Per quanto riguarda Oreste, invece, è lui la musa (o il muso) ispiratrice di tutta la baracca, di questo tentativo, cioè, "di aprire uno squarcio alle idee scomode sennò destinate all'oblio" sue sono la maggior parte delle parole che leggerete, e che ci sembra utile far circolare il più possibile come contributo e impulso alla discussione e all'azione. Idee scomode che qui trascriviamo in modo incompleto o ci limitiamo alla semplice sbobinatura di discorsi registrati magari in piazza, al volo, durante manifestazioni, presidii, assemblee ma che crediamo utile mettere qui ed ora nero su bianco anche così, cioè in forma provvisoria e incompleta. Siamo coscienti che, come Proust il parlato e lo scritto sono proprio due lingue diverse con relativi problemi di traduzione, si pensi alla traduzione della poesia…. Così, quando vai a rileggere la "sbobinatura" di un discorso, un soliloquio, una "tirata" alla radio, una video lettera o simili, ti ritrovi una sequela informe di parole senza inflessioni di voce, pause, climax, faccia, emozioni, mimica……Come un testo scritto che fosse privato di scansione delle parole, maiuscole, punteggiatura , corsivi, parentesi…..Per restituire almeno in parte la viva voce, l'intelligibilità, occorre un sofisticato, accuratissimo lavorio (Nanni Balestrini ne sa qualcosa!....): il risultato è iperrealistico, più vero del vero….Però, tant'è : lo affidiamo alla vostra intelligente immaginazione. Almeno per ora. Se poi, nel futuro, si riesce a fare una cosa più sistemata meglio ancora. 
Moltevoci vuole essere un luogo, anche se un po' appezzottato, di riflessione per la pratica e le lotte che riguardano il nostro presente e raccogliere le tracce mai sopite del 68, del 69 e del 77 che, proprio in questo periodo di anniversari, caratterizzato da "scatenamento memoriale talvolta pornografico", rivendicano un vero spazio di discussione.  

Il primo numero di Moltevoci esce oggi, 29 febbraio, per celebrare la bisestilità in noi e nel mondo, l'anomalia che scardina lo scorrere del tempo borghese, l'incespicatura dove speriamo rimangano presto impigliate le logiche del sistema, (i nostri antenati, i Comunards, sparavano cannonate contro gli orologi).  Questo n.1 mette in primo piano la questione di Marina Petrella, gli spunti: estradizione e galera, critica della soluzione penale"  come alienazione e "tossicomania" del risentimento;  e le attuali lotte contro il destino di munnezza a cui che gli apparati repressivi statali vorrebbero condannare la città di Napoli.
Dal prossimo numero Moltevoci probabilmente assumerà una forma fisica multimediale, sarà corredato da un cd audio ascoltabile come un radiodramma, o da video e la parte cartacea sarà a "geometria variabile" ma comunque e sempre il tutto sarà reperibile sul blog  Black Blog.
A presto! Un saluto a pugno chiuso dai "traghettatori di parole

Partager cet article

Published by Oreste Scalzone
commenter cet article

commentaires

Archivio